Economia e Politica

Le attività principali dell’economia tokelauana sono la pesca, l’agricoltura e l’esportazione dei prodotti tipici come la copra o alcune tipologie di tessili.
Nonostante la loro origine corallina non favorisca lo sfruttamento del terreno, ogni atollo possiede delle peculiarità favorevoli per il sostentamento della popolazione. Ad esempio a Fakaofo c’è abbondante acqua dolce, aa Atafu ci sono fitti boschi di kanava, utilizzato per le costruzioni, mentre Nukunonu possiede diverse piantagioni di pandano, materiale utilizzato per la tessitura.
Oltre il 10% dei PIL deriva da un’attività piuttosto innovativa: la registrazione di domini internet gratis e a pagamento con suffisso .tk. Per ottenere un dominio gratuito è sufficiente avere il collegamento di almeno 25 utenti unici in 90 giorni, al contrario il dominio dovrà essere trasformato a pagamento per poter continuare ad usufruirne.

Essendo un territorio dipendente dalla Nuova Zelanda, Tokelau è monarchia costituzionale all’interno del Commonwealth Britannico.
Il potere legislativo è affidato al General Fono, costituito dai sindaci (pulenuku), dai capitribù (faipule) e da altri delegati, tutti eletti dal popolo. Il General Fono ha comunque dei poteri limitati.
Il capo del governo, denominato Ulu, ha funzioni simili a quelle del Presidente di una repubblica parlamentare. La carica di capo del governo è affidata, con rotazione annuale ai tre capitribù.
La Nuova Zelanda ha indotto diversi referendum per ottenere l’indipendenza di Tokelau, ma non è stata mai raggiunta la soglia necessaria dei 75% favorevoli.
Il sistema giudiziario dell’arcipelago prevede tre gradi di giudizio e non contempla la prigione come condanna: in caso di reato i capitribù rimproverano pubblicamente i condannati che devono fornire spiegazioni esaurienti.